Santo del giorno
Gallery
Battesimo di Gesu, Trento Longaretti, vetrata istoriata, 1996 Chiesa - retro 5 Chiesa - facciata
  • 2020-09-23 - Vangelo di Mercoledì
    Pro 30, 5-9; Sal 118; Lc 9, 1-6. ||| In quel tempo, Gesù convocò i Dodici e diede loro forza e potere su tutti i demòni e di guarire le malattie. E li mandò ad annunciare il regno di Dio e a guarire gli infermi. Disse loro: «Non prendete nulla per il viaggio, né bastone, […]
  • 2020-09-23 - Commento di Mercoledì
    La missione dei Dodici. ||| Gesù sta formando il gruppo degli Apostoli. Essi sono ormai da un po' di tempo alla Sua sequela, ne conoscono la Potenza, sanno che Egli ha una missione difficile da compiere, anche se ogni tanto chiedono altre spiegazioni perché il Suo messaggio non appartiene a quei facili. E Gesù stesso […]
  • 2020-09-23 - Santi di Mercoledì
    San Pio da Pietrelcina

Archivi per la categoria ‘CPAE’

DOBBIAMO DIVENTARE FIGLI DI QUESTA NOSTRA CHIESA

vitadicomunita_logo

VITA DI COMUNITA
n. 1883 – 23 agosto 2020 – Mt 16,13-20

La scena che troviamo oggi nel Vangelo si svolge a Cesarea di Filippo, che si trova nella regione più a nord di Israele ed è qui che Gesù, in una pausa di tranquillità con i suoi Apostoli, fa una specie di sondaggio per sapere che cosa avevano capito di Lui.

“La gente chi dice che sia il Figlio dell’uomo?” chiede. E Gesù si sente riferire le risposte più inverosimili: c’è chi ritiene che sia Giovanni Battista, altri qualcuno degli antichi profeti, come Elia o Geremia, ritornato in vita.

Allora, Lui rivolge la domanda agli Apostoli: “E voi, chi dite che io sia?”. Il Maestro li interroga per vedere se sono stati attenti, se hanno capito la lezione e fra i dodici uno è stato davvero attento, ha capito. A fare il primo della classe è stato Pietro che dice esplicito: “Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente”. E Gesù gli rispose: “Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa”. Gli affiderà le chiavi del Regno dei cieli e gli darà il “potere di sciogliere e legare” (nel giudaismo significava: proibire o permettere oppure escludere o reintrodurre nella comunità). Questa funzione, oggi nella Chiesa, si esplicita soprattutto nel perdono dei peccati e quindi, in ultima analisi, nell’offrire l’accesso al Regno di Dio.

Tutto questo accadeva oltre duemila anni fa. Resta ora da capire che cosa significhi, oggi, questo episodio. La gente che idea ha di Gesù? Quella di un grande uomo del passato? Di una distratta divinità a cui rivolgersi? Quella di un amico da contattare quando le cose non funzionano?

E per noi, che ci definiamo cristiani “praticanti”, chi è Gesù? Quanto conta nella nostra vita? Le sentiamo ancora le allegre campane del nostro campanile o le abbiamo dimenticate? E oltre alle pratiche religiose: la S. Messa, i Sacramenti, qualche elemosina, qualche preghiera, “pratichiamo” noi la giustizia, la condivisione, il rispetto degli altri, la pulizia negli affari, la fedeltà, il perdono delle offese, la tolleranza?

Sono a queste le domande che noi cristiani dobbiamo rispondere con coraggio e onestà. Noi siamo Chiesa e cioè cristiani convocati e rimandati in mezzo agli altri a portare la nostra testimonianza. Il titolo di cristiano ce lo dobbiamo guadagnare giorno per giorno e se qualcuno vedendoci dirà: “che sia cristiano quello?” a noi può bastare. Sarebbe già un lusinghiero riconoscimento quel “cristiano” munito di punto interrogativo.

Allora, quale il messaggio?

Il Signore ci chiama a scegliere di ricollocare nella nostra vita la sua presenza. In Pietro, Lui ha trovato la pietra su cui edificare la Sua Chiesa, ma vuole anche servirsi di quelle pietre piuttosto fragili che siamo noi. Impegniamoci, allora, a rivedere le nostre scelte di vita, a verificare se la nostra testimonianza è fedele al suo Vangelo, se è fatta di gesti di bontà, di accoglienza, di fratellanza, di perdono senza riserve. Solo così, noi non saremo “spettatori distanti”, ma “figli coinvolti” di questa nostra Chiesa.

 


LA GENTE CHI DICE CHE IO SIA?

 


LUNEDI 24 agosto – SAN BARTOLOMEO APOSTOLO
Barolomeo di Cana di Gelilea, menzionato da Vangeli nel gruppo dei Dodici, viene identificato con Natanaele amico dell’apostolo Filippo, del quale il Signore disse: “Ecco un vero israelita nel quale non c’è inganno”. Alle parole del Maestro rispose con la professione messianica: “Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!” (Gv 1,43-51). Le sue spoglie sono venerate nella chiesa costruita nell’isola Tiberina a Roma. San Bartolomeo è invocato come protettore dei malati. ( Santi e Beati ).

GIOVEDI 27 agosto – SANTA MONICA
Monica nacque a Tagaste (Algeria) nel 332 da una pia famiglia. Fu data in sposa a Patrizio, uomo buono ma di carattere irascibile da cui ebbe tre figli, tra cui Agostino. Ebbe la gioia di assistere prima alla conversione del marito, legionario romano, nel 371 e al battesimo del figlio Agostino, convertito nella Pasqua del 387. Morì in Italia, a Ostia, e fu sepolta là su quella terra che divenne come un porto per il Cielo. ( Wiki – Santi e Beati )

VENERDI 28 agosto –  SANT’AGOSTINO
Vescovo e dottore della Chiesa. Nacque a Tagaste in Algeria nel 354. Dopo una vita disordinata, decise di andare a Roma e poi a Milano per occupare, nel 384, una cattedra di retorica. Si convertì e nel 387 ricevette il battesimo. Fu Vescovo di Ippona e operò contro le eresie del suo tempo. Morì nel 430 a Ippona. ( Wiki – Sant’Agostino )

SABATO 29 agosto – SAN GIOVANNI BATTISTA
Memoria del martirio di San Giovanni Battista. ( Wiki – Santi e Beati )

C P A E
Mercoledi 26 agosto, alle ore 20.30, si riunisce in Canonica il Consiglio Economico per valutare la situazione economica della Parrocchia.

SCUOLA MATERNA “B. Pizzolato”
Informiamo i genitori che la nostra programmazione prevede l’apertura il giorno 1 settembre 2020, salvo disposizioni diverse del Governo che saranno prontamente comunicate.

Anniversari matrimoniali 2020
DOMENICA 20 settembre ci sarà, come gli anni scorsi, la festa comunitaria degli ANNIVERSARI DI MATRIMONIO 25° – 50° – 55° – 60°. Per informazioni rivolgersi in parrocchia.

LA FEDE FACILE FA PERDERE LA FEDE

vitadicomunita_logo

VITA DI COMUNITA – n. 1525 – 6 ottobre 2013
(Lc 17,5-10 : leggi )

Il brano del Vangelo di questa domenica contiene una preghiera fatta dagli apostoli al Signore: “Aumenta la nostra fede!” e la risposta di Gesù è a dir poco inquietante. Infatti, Lui prende come misura di quantità per la fede, il seme di senapa, che era considerato dagli ebrei il più piccolo di tutti i semi e nella legislazione ebraica, indicava la “quantità minima di beni”. Ma la fede che cos’è?

Quasi sempre quando diciamo fede, pensiamo ad una filza di verità da credere o ad una dottrina da sottoscrìvere. Invece, dire fede è pensare ad una Persona, ad una Presenza. Aver fede vuol dire aderire totalmente ad un Altro, fare affidamento e lasciarsi guidare da un Altro. Molte volte, chiamiamo fede ciò che è tutto, meno che fede.

La consideriamo come un capitale da amministrare senza troppe complicazioni, invece, vivere la fede non è certo facile perché non ci dispensa dal duro mestiere della vita e non ci fa camminare da privilegiati. Dà però senso e luce al cammino che dobbiamo percorrere con la sicurezza di una Presenza.

Quotidianamente assistiamo al male che c’è nel mondo. Vediamo il debole in balia del prepotente e l’ingiustizia che raggiunge livelli intollerabili. Se, poi, si tratta di affari, Caino non ha freni e non riconosce più nessun fratello e il meraviglioso giardino donatoci dal Creatore, viene ogni giorno saccheggiato, violentato e trasformato in un deposito di rifiuti. E noi credenti che facciamo? Lasciamo cadere le braccia e pensiamo che “non c’è niente da fare, tanto la realtà è quella che è, non si può cambiare”.

E invece» no! La realtà è quella che è, perché la nostra fede è quella che è, ossia quella che non c’è. Il gelso o qualsiasi pianta, a cui Gesù fa riferimento, non è altro che qualsiasi realtà scomoda, indisponente, ma che noi non riusciamo a toglierla di mezzo, solo perché le nostre parole hanno la forza impotente della protesta, della denuncia, del rimpianto e sono prive della potenza irresistibile della fede.

La fede non ci è stata data unicamente per vedere le cose che non vanno, ma per costringerle ad andare diversamente. E se la nostra fede, anche se piccola come un seme di senapa, la viviamo con impegno e responsabilità, potremmo anche noi far succedere cose incredibili, per non dire impossibili. Se invece crediamo che la nostra fede debba essere comoda, riposante, in vestaglia e pantofole e cioè una fede facile, allora vuol dire che la fede l’abbiamo persa.

Allora, quale il messaggio?

Il tema della fede nel Vangelo di oggi sfocia nell’immagine di un servo operoso che riempie la sua giornata di lavoro. La nostra fede, per quanto piccola, non deve diventare invisibile, sonnolenta, lamentosa. E se autentica, deve suggerirci gesti e comportamenti di amore, di carità, di compassione e di pace verso il nostro prossimo, facendoci diventare “servi inutili”, pronti a mettere a disposizione del Signore e del prossimo una schiena da piegare. E quando solleveremo la testa sarà non per ricevere la corona di alloro, ma per asciugarci il sudore. Il Regno non possiamo costruirlo avendo il “complesso del monumento”, al massimo possiamo concederci il rarissimo premio d'”inutilità”.


DOMENICA 6 ottobre – Festa MADONNA DEL ROSARIO

Oggi DOMENICA 6 ottobre si celebra nella nostra comunità la festa della “MADONNA DEL ROSARIO”. Ricordiamo che:

  • nel POMERIGGIO,  alle ore  15.30  in chiesa parrocchiale ci saranno i VESPRI della MADONNA e BENEDIZIONE EUCARISTICA;
  • LUNEDI 7 ottobre verrà celebrata una S. Messa alle ore 9.00.

27a Settimana Sociale 2013
Le seconde due serate in programma per la 27a Settimana Sociale, si terranno: Lunedì 7 Ottobre e Martedì 8 Ottobre, presso l’Auditorium del Collegio Pio X a Treviso alle ore 20.30

Inizio catechismo Elementari e Medie 2013-2014
II catechismo imzierà come segue con orario dalle ore 14.45 fino alle ore 16.00:

  • Terza Elementare: VENERDI 18 ottobre.
  • Quarta Elementare: MERCOLEDI 16 ottobre.
  • Quinta elementare: MERCOLEDI 16 ottobre per i due  gruppi  di  Spresiano /VENERDI 18 ottobre per i due gruppi di Visnadello.
  • Per la Seconda elementare: daremo informazioni dettagliate in seguito.
  • Prima – Seconda e Terza Media: GIOVEDI 17 Ottobre.

Circolo Ricreativo “Segna”
DOMENICA 20 ottobre 2013 alle ore 12.00, presso la Palestra Parrocchiale di Spresiano, il Circolo Segna e Associazione Cavalieri San Marco di VE organizza un PRANZO di SOLIDARIETA. Le prenotazioni si riceveranno, fino ad esaurimento dei posti a:

  • SPRESIANO presso Oratorio Parrocchiale: MERCOLEDI dalle ore 15.00 alle 17.00 e SABATO dalle ore 9.00 alle 11.00.
  • LOVADINA/VISNADELLO, chiedere contatti alla Parrocchia di Spresiano

CPAE
Si riunisce MERCOLEDI 9 ottobre alle ore 20.45, in Canonica, per questioni importanti.

6° Festa delle Famiglie
SABATO 12 e DOMENICA 13 ottobre, a Pero di Breda di Piave, FESTA delle FAMIGLIE sul tema: “Prete e famiglia fatti l’uno per l’altra. Quale fecondità per la Chiesa?”

INCONTRO DI PREGHIERA
SABATO 12 ottobre alle ore 20.30 nella nostra Chiesa, incontro di spiritualità e preghiera per i giovani dei Vicariati di: SPRESIANO    –    NERVESA    –    TREVISO – URBANO – MONASTIER – SAN DONA’. Presiede il Vicario Generale Mons. RIZZO.

RACCOLTA CARITAS
SABATO 12 ottobre ci sarà la RACCOLTA annuale di indumenti usati organizzati dalla CARITAS. Il materiale dovrà essere messo nei sacchetti gialli che troverete in fondo alla chiesa, fino ad esaurimento, e dovrà essere portato dietro alla chiesa, solo il giorno di SABATO 12 ottobre entro e non oltre le ore 16.30.

MANDATO AI CATECHISTI
DOMENICA 13 ottobre 2013 sono invitati i catechisti delle Elementari e Medie alla S. Messa delle ore 9.00 per ricevere il Mandato per loro servizio.

AVVISO
La parrocchia di Spresiano ha programmato un viaggio: “Santuari tra Toscana e Lazio e Udienza Papale”, dal 21 al 23 ottobre 2013. Il programma lo potete trovare in fondo alla chiesa sul banco della stampa. Per ulteriori informazioni rivolgersi in parrocchia.

Laboratorio”I fili magici”
Il laboratorio “i fili magici” (cucito – ricamo – uncinetto – lavori a maglia ecc.) riprende a partire da SABATO 12 ottobre e per tutti i SABATI, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso l’Oratorio Parrocchiale.

Associazione NOI
Il NOI comunica che sarà possibile assistere a tutte le partite di calcio del campionato europeo, nel Bar dell’Oratorio.