Santo del giorno
Gallery
Pentecoste, Trento Longaretti, vetrata istoriata, 1996 Risurrezione, Trento Longaretti, vetrata istoriata 1996ta-1996 5 Altare maggiore, abside, vetrate
  • 2020-08-10 - Vangelo di Lunedì
    2 Cor 9, 6-10; Sal 111; Gv 12, 24-26. ||| In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria […]
  • 2020-08-10 - Commento di Lunedì
    Se il chicco di grano caduto in terra non muore... ||| La figura di un martire così lontano da noi crea non pochi problemi. Alle già scarse notizie si aggiunga che il suo ricordo si è sedimentato in tradizioni che ne offuscano la veridicità storica. È come se celebrassimo un personaggio mitologico che poco o […]
  • 2020-08-10 - Santi di Lunedì
    San Lorenzo

Archivi per la categoria ‘Madonna del Carmine’

MADONNA DEL CARMINE

vitadicomunita_logo

VITA DI COMUNITA
n. 1877 – 12 luglio 2020 – Mt 13,1-23

Il Vangelo di oggi ci propone la prima delle cinque parabole di Gesù, quella del seminatore, le altre le ascolteremo nelle prossime domeniche. Quel giorno Gesù disse alla folla che era andata a sentire la sua Parola: “Ecco, il seminatore uscì a seminare…” Sicuramente parlava di se stesso.

Un seminatore che con passo lento, il gesto ampio e solenne semina, non ha paura di gettare il seme con abbondanza in tutte le varietà dei terreni umani nella speranza che buchi la crosta dura del cuore degli uomini. E da buon seminatore, analizza poi, quali saranno i risultati della semina, visto che il terreno è marcatamente differenziato.

Il Signore semina sulle strade e il seme non riesce neppure a sopravvivere perché arrivano gli uccelli e lo mangiano. Questo esempio è rivolto a chi non “comprende” la Parola. Per chi non si ferma mai e non sosta mai in silenzio ad ascoltare. Gli uccelli che mangiano la semente, Gesù li indica come il maligno che non vuole correre il rischio che la Parola arrivi a scuotere l’indifferenza dell’uomo, la sua abitudine, il suo pregiudizio, l’arroganza; l’indifferenza.

Gesù fa poi un secondo riferimento che è rivolto a quelle persone raggiunte dalla Parola ma che hanno un cuore poco profondo, un terreno di sassi, dove non c’è molta terra.  Un cuore che non regge alla prima difficoltà. Così fa il cristiano adolescente, infantile che è in noi, che è in me, che vive di gratificazioni.

Invece, il terzo riferimento è per quella categoria di persone che pur cresciuta è soffocata dalle spine. La spina, dice Gesù, è quella degli affari, degli interessi, delle preoccupazioni, della carriera e spesso soffoca Dio dentro di noi. Anche la ricchezza è una spina del mondo quando produce guerra, aridità e non nutre nessuno.

Ma allora, qual è il terreno buono? Perché è questa la domanda che ora dovremmo porci e la responsabilità della risposta spetta esclusivamente a noi. Una cosa è certa, Gesù il seminatore, non sceglie il terreno ma mette alla prova tutti i terreni anche perché Lui non è venuto ad inaugurare il tempo del giudizio, ma quello della pazienza. E questo, noi cristiani, dovremmo ricordarcelo quando annunciano e testimoniano la Parola di Dio. Dovremmo imparare a “sprecare” un po’ di più la semente, perché quel seme, ha il potere di trasformare il terreno e aprire un varco sulla strada verso le profondità della persona.

Allora, quale il messaggio?

Gesù, il Seminatore, attraversa quotidianamente la nostra strada, gettando la semente nei solchi del nostro cuore con l’ostinazione dell’amore e ci interpella con urgenza uno ad uno. La sua Parola ci giunge in tanti modi: a volte è la voce della coscienza, a volte è la voce dei genitori che parlano ai figli con parole che vengono dal Signore, ma soprattutto ci giunge in modo esplicito, in Chiesa per la Messa. Tocca a noi farla vivere questa Parola! Lasciamo, allora, che ci contagi, che ci riempia, che ci scuota, che ci inquieti, che ci consoli! Il Santo Curato d’Ars diceva: “Verrà un giorno in cui gli uomini saranno così stanchi degli uomini, che basterà parlare loro di Dio per vederli piangere”.


MADONNA DEL CARMINE

A Spresiano questa festa è sempre stata vissuta con un grande spirito religioso da tutti gli abitanti del paese e non solo dai residenti “Dee Cesolle”, cioè il borgo si trova la cappella annessa alla villa Giustiniani dedicata fin dalle sue origini alla Beata Vergine del Carmelo. ( Beata Vergine Maria del Monte Carmelo – presso Santi e Beati

GIOVEDI 16 luglio 2020 si celebra la festa della “MADONNA DEL CARMINE”. Le celebrazioni religiose si svolgeranno come segue:

Lunedi – Martedi – Mercoledi

  • ore 19.00 S. Rosario nella chiesetta Giustiniani.

Giovedi 16 luglio

  • ore 10.00 S. MESSA in chiesa Parrocchiale
  • ore 19.00 S. Rosario e Benedizione dei bambini nella chiesetta Giustiniani (esterno).

 

Gruppo Missionario – Raccolta del ferro
Il Gruppo Missionario informa che SABATO 25 LUGLIO 2020 verrà fatta la raccolta del ferro. Si invita chi avesse quantità consistenti a chiamare in parrocchia per maggiori informazioni. In caso contrario è possibile portare il ferro direttamente in Oratorio dove verrà posizionato un cassone per tutta la mattina. GRAZIE.

Anniversari matrimoniali 2020
Da più di vent’anni continua nella nostra comunità parrocchiale la “buona abitudine” di festeggiare le coppie di sposi che, nel corso dell’anno, celebrano un anniversario significativo del loro matrimonio: 25° – 50° – 55° – 60° ecc. Questa FESTA COMUNITARIA, è programmata per DOMENICA 20 Settembre e non pretende sostituire la tradizionale festa privata che ogni coppia si riserva di fare in famiglia. Vogliamo far giungere a queste coppie un invito personale ma, non disponendo di “elenchi aggiornati”, ci dispiacerebbe molto “dimenticare” qualche coppia. In quel giorno, si possono aggiungere le coppie che ricordano il loro anniversario di matrimonio, anche se non coincide con le scadenze citate. Per informazioni rivolgersi in parrocchia.

5 x MILLE
Quest’anno puoi aiutare l’Oratorio e l’Associazione NOI, donando il 5×1000 della tua dichiarazione dei redditi. Non ti costa nulla, ma per la nostra comunità è prezioso. C.F. 94124530265.

NON CI E’ CONSENTITO PASSARE OLTRE

vitadicomunita_logo

VITA DI COMUNITA – n. 1672 – 10 luglio 2016
( Lc 10,25-37 )

Domenica scorsa abbiamo ascoltato le indicazioni date da Gesù ai suoi discepoli sullo stile dell’annuncio. Oggi il brano del Vangelo ci porta al cuore del Vangelo.

Tutto parte da una domanda fatta da un dottore della legge che affronta Gesù per metterlo alla prova: “Maestro, che devo fare per avere la vita eterna?”. La domanda era importante ma Gesù prima di rispondere, sollecitò il dottore a dire che cosa Dio aveva insegnato ad Israele e lui rispose quasi a memoria: “Amerai il Signore tuo Dio… e il prossimo tuo come te stesso”. E Gesù lo rassicurò: “Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai”. Ma lui replicò con tono inquisitore: “E chi è il mio prossimo?”. A questa domanda Gesù gli rispose con la parabola del Buon Samaritano, parabola che è valida anche per noi oggi.

Immaginiamo il viandante aggredito che scendeva da Gerusalemme a Gerico e lasciato sulla strada mezzo morto. Possiamo vedere lo sguardo del sacerdote e del levita che hanno avuto paura di lasciarsi coinvolgere e notare il gesto delicato del Samaritano (un uomo disprezzato, odiato a quell’epoca) che si era fatto carico del viandante.

Gesù dice: “gli si fece vicino”, cioè prossimo. Ha avuto compassione di un uomo. Ha vissuto l’altruismo puro, superando tutte le frontiere, tutte le distanze. Ha compiuto un gesto che lo ha fatto assomigliare a Dio.

Gesù ha messo il prossimo al centro di tutto, al punto tale che Dio stesso non si può amare senza amare il prossimo. E’ questa la grande verità cristiana che spesso cerchiamo di minimizzarla, di accomodarla. Ma il Vangelo resta e non cambia e da qualsiasi parte lo leggiamo, conduce a questo comandamento.

Molti cristiani pensano che il problema del cristianesimo, oggi, sia l’ignoranza: si fa poco catechismo e male, non si parla più di Gesù ai giovani… Invece è la nostra mancanza di fede, è la nostra fatica a testimoniare Dio che arrugginisce il nostro cuore e le nostre coscienze. Vogliamo sapere quanto amiamo Dio? Guardiamo quanto amiamo il prossimo! Vogliamo sapere se crediamo in Dio? Guardiamo come trattiamo il nostro prossimo! Vogliamo sapere se la nostra preghiera è vera? Verifichiamo e controlliamo se ci spinge ad amare di più il nostro prossimo!

Questa parabola ci insegna che tutti gli uomini sono “prossimo” e che il nostro futuro è in un verbo: “Amerai”. Un verbo al futuro perché questa è un’azione mai conclusa, perché durerà quanto durerà il tempo. Perché è un progetto ed è unico.

Allora, quale il messaggio?

Spesso parliamo di amore, di amicizia, di servizio, di condivisione, ma sempre o quasi sempre a livello di buone intenzioni, di buoni desideri. L’appello che Gesù ci rivolge oggi, è di rimetterci in gioco, di non stare a guardare, di non “passare oltre” e se la fede ci inquieta, lasciamoci fare, lasciamoci rifare, lasciamoci disfare, anche perché nessuno di noi può sapere quanto tempo e quante occasioni avrà di scendere da Gerusalemme a Gerico.


Anche voi conoscete senz’altro una persona anziana
che avrebbe bisogno di un po’ di aiuto
o di qualcuno che la ascolti.
Abbiate il coraggio di andare farle visita!


MADONNA DEL CARMINE

SABATO 16 luglio si celebra la festa della “MADONNA DEL CARMINE”. A Spresiano, questa festa è sempre stata vissuta con un grande spirito religioso, non solo dai residenti “Dee Cesolle” dove si trova la cappella annessa alla villa Giustiniani dedicata fin dalle sue origini alla Beata Vergine del Carmelo, ma da tutti gli abitanti del paese. Al senso religioso della festa si associa anche la tradizionale “Sagretta del Carnine” con festeggiamenti vari.
Le celebrazioni religiose si svolgeranno nella Chiesetta Giustiniani con i seguenti orari:

  • MERCOLEDI 13 – GIOVEDI 14 luglio, alle ore 20.30: incontro di preghiera con il S. ROSARIO meditato;
  • VENERDI 15 luglio alle ore 20.00, il Prof. GIULIANO SIMIONATO, in occasione dell’anniversario dei 200 anni della costruzione della Chiesetta Giustiniani, illustrerà la sua Storia e le sue Opere;
  • SABATO 16 Luglio: alle ore  10.00 verrà celebrata la S. MESSA, presso la Chiesetta Giustiniani; alle ore 19.30 recita del Santo ROSARIO e al termine la tradizionale BENEDIZIONE DEI BAMBINI;
  • DOMENICA 17 luglio: alle ore 18.30, S. MESSA presso la Chiesetta Giustiniani – Non sarà celebrata la S. Messa delle ore 18.30 in Chiesa parrocchiale.

5 x MILLE
Quest’anno puoi aiutare l’Oratorio e l’Associazione NOI, donando il 5×1000 della tua dichiarazione dei redditi. Non ti costa nulla, ma per la nostra comunità è prezioso. C.F. 94124530265.

 

LUNEDI 11 LUGLIO S. BENEDETTO PATRONO D’EUROPA

BENEDETTO nato da una nobile famiglia di Norcia, studiò lettere classiche e diritto a Roma. Poi abbandonati gli studi, si ritirò in un luogo solitario, desideroso “di piacere soltanto a Dio”. Molti lo seguirono diventando suoi discepoli. Fondò molti monasteri e verso il 529 si stabilì nella fortezza di Montecassino dove morì nel 547. Paolo VI lo ha proclamato Patrono d’Europa perché ha saputo portare la civiltà cristiana attraverso la croce, il libro e l’aratro.

 

 

Madonna del Carmine

MARTEDI 16 Luglio si celebra la festa della “MADONNA DEL CARMINE”
A Spresiano, questa festa è sempre stata vissuta con un grande spirito religioso, non solo dai residenti del “colmello delle Cesoie” dove si trova la cappella annessa alla villa Giustiniani dedicata fin dalle sue origini alla Beata Vergine del Carmelo, ma da tutti gli abitanti del paese.

Al senso religioso della festa si associa anche la tradizionale “Sagretta del Carmine” con festeggiamenti vari.

Le celebrazioni religiose si svolgeranno nella Chiesetta Giustiniani con i seguenti orari:

 

 MARTEDI 16 Luglio:

  • alle ore 10.00 verrà celebrata la S.MESSA;
  • alle ore  19.00 recita del  Santo ROSARIO;

e al termine la tradizionale BENEDIZIONE DEI BAMBINI.