Archivi per la categoria ‘Prima Superiore’

APRIAMO IL NOSTRO CUORE ALLA LUCE DI BETLEMME

SANTO NATALEvitadicomunita_logo

VITA DI COMUNITA – n. 1590 – 21 dicembre 2014
( Lc 1,26-38 )

In questo tempo di Avvento, la liturgia ci ha presentato due figure che rappresentano modelli sempre validi per vivere questo cammino verso il Natale e capaci di prepararci ad accogliere il Signore. Dopo Giovanni Battista, ecco Maria di Nazaret, una semplice fanciulla che con il suo “SI” dell’accoglienza ha accettato di entrare nel progetto di Dio.

Maria è stata la creatura ideale davanti a Dio. Ella ha atteso nel silenzio di Nazareth, non è stata frivola, non è stata una donna contorta da inquietudini, da vuoti interessi, dalla mania di avere sempre di più. Maria è stata una donna attenta alle Scritture, attenta a leggere la vita in profondità, serena e aperta al mistero che ha permesso al suo Signore di realizzare qualcosa di unico.

Maria non è stata un’ingenua, non è stata una sprovveduta neppure davanti a Dio. Infatti quando l’Angelo le annunciò che sarebbe diventata “madre di Gesù, Figlio di Dio”, lei chiese chiarimenti: “Come accadrà questo? Io non conosco uomo”. E questa domanda non nasceva certo dal dubbio, né dalla volontà di vedere tutto chiaro: nasceva invece dal desiderio di capire la volontà di Dio per seguirla. Lei è stata consapevole, fin dall’inizio, della sua piccolezza e dell’assoluta incapacità umana dinanzi alla salvezza.

Oggi gli uomini sono arrivati a rinnegare Dio e a dichiararlo, con presunzione e autosufficienza, inutile e superfluo. Troppe volte il dubbio appanna la strada della fede e ci impedisce di sentire la pace nella volontà di Dio. E troppo spesso seguiamo la volontà di Dio finché coincide con la nostra e chiamiamo volontà di Dio ciò che ci fa comodo. Maria, invece, con umiltà, rispose all’angelo: “Eccomi! Sono la serva del Signore… “.

Fra qualche giorno è Natale. Ma quale sarà il nostro Natale: sarà all’insegna della superficialità, del consumismo, dei regali? Oppure sarà un Natale anticonformista, con viaggi, settimana bianca, permettendo che il cellulare vomiti messaggini di auguri? E tutto con una grande frenesia e magari diciamo, anche, “per fortuna che il Natale viene una sola volta l’anno”.

Nessuno di questi Natali ha a che fare con l’unico vero Natale. C’è invece la necessità di accogliere Gesù nella nostra vita con un “si”, generoso come quello di Maria e questo può avvenire se sapremo vincere il nostro egoismo, magari armonizzando i nostri piccoli gesti quotidiani con il progetto che Dio ha su di noi e riconoscendoci mendicanti di una gioia che solo Lui può darci.

E allora il Natale sboccerà nel nostro cuore come dono gratuito di Dio. Caso contrario, sarà una giornata come tutte le altre, addobbata di gentilezza e verniciata di ipocrisia.

Un affettuoso BUON NATALE che sia di serenità e pace.

Don Giuseppe


PREGHIERA PER IL GIORNO DI NATALE
Ti benediciamo, Signore, perché hai voluto che il Tuo Figlio fatto uomo appartenesse a una famiglia umana e crescendo nell’ambiente familiare ne condividesse le gioie e i dolori.
Guarda questa nuova famiglia sulla quale invochiamo il tuo aiuto: proteggila e custodiscila sempre perché sostenuta dalla tua grazia viva nella prosperità e nella concordia e come piccola Chiesa domestica testimoni nel mondo la tua gloria.
Per Cristo nostro Signore. Amen. Padre nostro.

Il Signore Gesù che visse con la sua famiglia nella casa di Nazaret,
rimanga sempre con noi, ci preservi da ogni male
e ci conceda di essere un cuor solo e un’anima sola. Amen.


CONFESSIONI COMUNITARIE

Le confessionI comunitarie di Natale ci saranno a:

  • LUNEDI 22 dicembre alle ore 20,30 a SPRESIANO (per i giovani);
  • MARTEDI 23 dicembre alle ore 20,30 a LOVADINA.

Le confessioni individuali a SPRESIANO ci saranno:

  • LUNEDI 22 dicembre
  • MARTEDI 23 dicembre
  • MERCOLEDI 24 dicembre

dalle ore 9.00 alle 12.00 e dalle ore 15.00 alle 18.00. Sarà presente in Chiesa il confessore straordinario Don Umberto.

Visita ai malati e agli anziani

Sollecitati dall’ormai imminente Natale, chiediamo che ci vengano segnalati i casi di persone che, impossibilitate a muoversi da casa, chiedono la visita del parroco o qualcun altro. Parlare direttamente con Don Giuseppe o telefonare in canonica.


CELEBRAZIONI NATALIZIE 2014

  • Il 24 DICEMBRE la Santa MESSA della Notte di NATALE alle ore 24.00 sarà preceduta da una VEGLIA di preghiera, che inizierà alle ore 23.00. Attenzione è sospesa la S. Messa della sera delle ore 18.00.
  • Il 25 DICEMBRE le Sante MESSE avranno l’orario festivo. Sarà celebrata alle ore 15,30 una Santa Messa nella Casa di Riposo “Villa Tomasi”.
  • Il 26 DICEMBRE – SANTO STEFANO, S. Messa alle ore 9.00.

Alle ore 10.00 saranno celebrati gli ultimi battesimi comunitari del 2014.


Lettura continua dei Vangeli

MERCOLEDI 24 Dicembre nella chiesa di LOVADINA, lettura continua dei Vangeli dalle ore 18.00 alle ore 22.00.

SACRA FAMIGLIA

DOMENICA 28 Dicembre, dedicata alla Sacra Famiglia, la Santa Messa delle ore 9,00 sarà animata dal Gruppo Famiglie della Parrocchia.

USCITA INVERNALE ADOLESCENTI

Da SABATO 27 a LUNEDI 29 gli adolescenti che partecipano ai gruppi settimanali di 1a, 2a , 3a Superiore sono in uscita a Perarolo (BL).

PANEVIN

Continua la vendita dei biglietti della sottoscrizione a premi che sarà estratta il 10 GENNAIO 2015, giorno che verrà bruciato il tradizionale “PANEVIN”. Il ricavato andrà a finanziare le Opere Parrocchiali. Si possono vincere molti bei premi.

DIO NON VUOLE SEPARARSI DALLE SUE CREATURE

vitadicomunita_logo

VITA DI COMUNITA – n. 1530 – 10 novembre 2013
(Lc 20,27-38 : leggi )

Il brano del Vangelo di oggi fa parte di un insieme di testi di Luca che narrano di dispute tra Gesù e i responsabili ebraici. Allora era normale rivolgersi ai maestri in Israele e porre questioni. Anche Gesù era considerato un maestro e i sadducei, che rappresentavano l’ala aristocratica e conservatrice d’Israele e che si sentivano a loro volta maestri, sottoposero a Gesù nei cortili del Tempio un caso piuttosto strano: quello della donna che aveva avuto sette mariti.

Il caso faceva riferimento ad una legge mosaica ben nota di quel tempo, la “Legge del Levirato”, secondo la quale se un uomo moriva senza figli, un fratello ne sposava la moglie per dare una discendenza al fratello defunto. Ma questa istituzione aveva soprattutto lo scopo di evitare che la vedova sposasse uno straniero e che la proprietà rimanesse in famiglia. Ma il caso grottesco di questa donna che sposa sette fratelli e si decide a morire soltanto dopo che ha sepolto l’ultimo marito, viene usato dai sadducei per dimostrare l’assurdità della credenza nella Risurrezione in quanto “… di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie”.

La risposta di Gesù non si fece attendere e disse: “Vi sbagliate se pensate che la vita eterna sia come la vita di quaggiù”. Invitava, così, gli uditori ad alzare lo sguardo dalla visione che proiettava nell’Aldilà, le ansie e le attese della vita terrena. E a guardare alla nuova dimensione che Gesù proponeva: la Risurrezione in cui Lui credeva fermamente e che non era la continuazione dei rapporti terreni, ma una pienezza iniziata e mai conclusa.

L’errore dei sadducei era stato quello di pretendere di immaginare l’Aldilà che appartiene all’Onnipotenza di Dio e non alla nostra presunzione! E per noi, c’è un chiaro avviso: è inutile voler immaginare il Paradiso o l’Inferno, esistono, solo che è impossibile tradurli in “immagini” perfette. Questa lezione di Vangelo ci fa capire che il Dio di Gesù è il Dio dei viventi. Noi siamo stati creati immortali e niente di noi andrà perduto: il nostro corpo e l’anima che è la sorgente del pensiero, la custode dei sentimenti, la dimora della nostra identità e diversità.

Ma noi quanto ci crediamo? Possiamo dire di credere nel Dio dei vivi se la nostra fede è ricerca e non stanca abitudine o noioso dovere; se è slancio e preghiera, non rito e superstizione. Siamo vivi se abbiamo imparato a non lasciarci ingannare dalle sirene che ci promettono ogni felicità se possediamo, se produciamo, se guadagniamo. Se sappiamo perdonare e soprattutto se abbiamo capito che nella nostra vita c’è un “di più” nascosto nelle pieghe della nostra storia. Una cosa è certa, quando Dio allaccia un rapporto con noi, è perché non vuole separarsi dalle sue creature.

Allora, quale il messaggio?

Noi cristiani siamo il popolo ” che attende la vita del mondo che verrà”. Abbiamo perciò il dovere di esprimere, giorno dopo giorno, l’attesa dell’eternità con una coerenza di vita e di scelte cristiane. E soprattutto accostarci alla verità senza orgoglio, prevenzione e incredulità, altrimenti rischieremo di tagliarci fuori dalla gioia e dalla pace senza fine.


LUNEDI 11 novembre – SAN MARTINO

MARTINO era figlio di un tribuno romano, era nato in Pannonia (Ungheria) e si era arruolato giovanissimo nell’esercito imperiale. Abbandonata la milizia dopo aver ricevuto il Battesimo,  si recò in Gallia per divenire discepolo di Sant’Ilario di Poitiers. Condusse una vita eremitica, poi per consiglio di Bario fondò il primo monastero di tutto l’Occidente. Nel 373 venne scelto come Vescovo di Tours e alla predicazione del Vangelo uni unaincessante opera di elevazione sociale dei contadini e dei pastori. Il suo culto è diffusissimo, molti comuni d’Italia portano il suo nome. ( WikiSanti e Beati )

Ai CALESSANI, presso il capitello di San Martino, verrà celebrata LUNEDI alle ore 19,00, la S.MESSA in onore del Santo. Dopo la celebrazione ci sarà un momento di festa con la tradizionale “CASTAGNATA”.
Ai genitori dei bambini di Seconda Elementare

Ricordiamo ai genitori dei bambini di Seconda Elementare l’appuntamento di VENERDI 15 novembre, alle ore 20.30 in Oratorio, Sala Martini.

Assemblea Genitori Scuola Materna di Spresiano

MERCOLEDI 13 novembre si terrà l’assemblea generale dei genitori della Scuola dell’Infanzia “B.Pizzolato” di Spresiano presso l’Oratorio – sala Martini – alle ore 20.30.

Ai ragazzi di Prima Superiore

GIOVEDI 14 novembre, incontro con i ragazzi di Prima Superiore, in Oratorio alle ore 20.45. Vi aspettiamo numerosi.

Itinerario di preparazione al Matrimonio Cristiano

Il Vicariato di Spresiano sta organizzando un itinerario di preparazione al MATRIMONIO CRISTIANO dal 25 Gennaio al 30 Marzo 2014. La presentazione del percorso e le iscrizioni si terranno il giorno 11 GENNAIO 2014 presso l’Auditorium Don Enrico Vidotto di Maserada sul Piave alle ore 20.45. Chi è interessato visiti il sito: www.pastoralefamiliarespresiano.it . Attenzione: i posti sono limitati… affrettarsi ad iscriversi!

Mercatini di Natale a Bolzano

L’Associazione NOI organizza una “gita” a Bolzano per DOMENICA 15 dicembre per andare a vedere i “Mercatini di Natale”. Il numero dei partecipanti deve essere di almeno 40. Costò € 12,00 per il solo viaggio di andata e ritomo, per il pranzo ognuno deve arrangiarsi. La raccolta delle iscrizioni è presso il Circolo NOI (bar) Oratorio.

Tu, Signore, porti la mia esistenza oltre il buio della morte,
là dove splende la vita eterna!