Santo del giorno
Gallery
Pentecoste, Trento Longaretti, vetrata istoriata, 1996 Chiesa - retro Chiesa - il campanile L’apparizione di Mamre, icona rumena, 1996

RIPARTIRE DALLA GROTTA DI BETLEMME

vitadicomunita_logo

VITA DI COMUNITA
n. 2005 – 25 dicembre 2022
SANTO NATALE

“Vi annunzio una grande gioia: oggi è nato un salvatore, che è Cristo Signore”.

Questa dovrebbe essere la nostra gioia di oggi, la gioia di poter credere a una nascita, la Sua prima di tutto, ma anche la nostra. Credere alla possibilità di ri-nascere. E questo è possibile se facciamo un po’ di silenzio per poter percepire uno scricchiolio dalle parti del cuore che ci permetta di avere una voglia di diverso, di luce, di pulito.

E’ possibile se il nostro cuore, pieno d’amore, sarà capace di sfondare il muro dell’indifferenza e dell’odio e se saremo capaci di accogliere e portare la parola vera. Qualche centinaio di anni fa, ci è stato anche recapitato un messaggio. Non lo abbiamo neppure aperto. Eppure era una comunicazione importante: “Pace in terra agli uomini che Dio ama”. Abbiamo preferito ignorare quel messaggio, non abbiamo preso atto di quel dono, perché sappiamo bene che l’amore esige una risposta.

Il messaggio del Natale sta tutto nell’amore di Dio per gli uomini. Dio mette a disposizione il suo amore perché noi diventiamo uomini. Dio si fa uomo perché ogni uomo diventi più umano. E’ una faccenda che ci riguarda. Non possiamo continuare a tenere Dio ai margini. Non possiamo, in nome del Natale, utilizzarlo come pretesto per le nostre operazioni commerciali.

Il Natale non può essere una festa che si esaurisce con l’ultimo rito cui partecipiamo. C’è, invece, la necessità di accogliere Gesù nella nostra vita: “….non c’era posto per loro nell’albergo” ma non ci sarà posto per lui, nemmeno oggi, se non sapremo vincere il nostro egoismo, se non sgonfieremo il nostro orgoglio. Se non impareremo a pensare a chi muore di fame, alle famiglie divise, a chi è solo, ai bambini malati e vittime dell’egoismo. Ed è solo se accettiamo che a Natale, che in questo Natale nasca Dio, allora nascerà anche l’uomo.

Proviamo a ripartire dalla grotta di Betlemme, pronti a cambiare e a riconoscere quel Bambino in ogni creatura povera, fragile, bisognosa di soccorso. E allora si, che il canto “….pace in terra agli uomini che Dio ama” che avvolse i pastori a Betlemme, potrà diventare un augurio per la nostra vita futura. Caso contrario, il Natale sarà solo una giornata come tutte le altre, verniciata di una gioia che non ha profondità.

BUON NATALE a tutti di gioia e di pace
Don Giuseppe


SANTO NATALE 2022

PREGHIERA PER IL GIORNO DI NATALE

Ti benediciamo, Signore, perché hai voluto che il Tuo Figlio fosse fatto uomo
appartenesse a una famiglia umana e crescendo nell’ambiente familiare
ne condividesse le gioie e i dolori.

Guarda questa famiglia sulla quale invochiamo il tuo aiuto:
proteggila e custodiscila sempre perché sostenuta dalla tua grazia
viva nella prosperità e nella concordia, e come piccola Chiesa domestica
testimoni nel mondo la tua gloria.
Per Cristo nostro Signore. Amen. Padre nostro

Il Signore Gesù che visse con la sua famiglia nella casa di Nazaret,
rimanga sempre con noi, ci preservi da ogni male
e ci conceda di essere un cuor solo e un’anima sola. Amen.


CELEBRAZIONI NATALIZIE 2022

  • La NOTTE di NATALE 24 dicembre, la S. MESSA sarà celebrata alle 21,30.
    Sarà preceduta, alle ore 21.00, da una Veglia di Preghiera.
  • Il 25 DICEMBRE – NATALE del SIGNORE le Sante MESSE avranno orario festivo: 9.00, 10.30, 18.00.
  • LUNEDI 26 DICEMBRE – SANTO STEFANO, la S. Messa sarà alle ore 10,30.

LUNEDI 26 dicembre è la festa di Santo STEFANO
Il primo martire cristiano che morì, nel corso di una sommossa popolare, provocata dalla sua coraggiosa predicazione della fede in Gesù Cristo.

MARTEDI 27 dicembre è la festa di San GIOVANNI Apostolo
S. GIOVANNI Apostolo, era uno dei primi discepoli di Gesù, era il discepolo che Gesù amava. Amico di Pietro, testimone della trasfigurazione, della risurrezione della figlia di Giairo e dell’agonia nel Getsemani di Gesù. Ebbe il privilegio di ricevere da Gesù la sua stessa madre. Dopo la Pentecoste si fermò a lungo in Palestina, dimorò ad Efeso dove morì in età avanzata.

MERCOLEDI 28 dicembre è la festa dei SS. Innocenti Martiri
Ossia i bambini che a Betlemme di Giuda furono uccisi dall’empio re Erode, affinché insieme a loro perisse il Bambino Gesù.

CELEBRAZIONI
SABATO 31 dicembre, ultimo giorno dell’anno 2022, alle ore 18.00, S. Messa prefestiva con il canto del “TE DEUM” di ringraziamento per l’anno trascorso.

AVVISO LUNEDI 2 e MARTEDI 3
LUNEDI 2 e MARTEDI 3 gennaio 2023, non saranno celebrate le SS. MESSE feriali (il Parroco è assente).
Saranno garantite: le Lodi, i Vespri, la liturgia della Parola e la Comunione, ai soliti orari.

I Commenti sono chiusi