Santo del giorno
Gallery
Pentecoste, Trento Longaretti, vetrata istoriata, 1996 6 Abside, vetrate SS Trinita, Sergio Favotto, affresco su tela, mag 2008

LA SETTIMANA SANTA FISSA UN APPUNTAMENTO

vitadicomunita_logo

VITA DI COMUNITA
n. 1968 – 10 aprile 2022 – Lc 22,14-23,56
Domenica delle Palme

Inizia, oggi, la Settimana Santa, dalle Palme alla Risurrezione di Gesù. Rivisiteremo la storia di un amore infinito, quello di Gesù che dona la sua vita per noi e approfondiremo il senso del nostro essere cristiani.

Prima però di rivivere la storia di un grande amore, proviamo a chiederci se in questi quaranta giorni, siamo riusciti a prepararci come avremmo voluto. Oppure, se ancora una volta la nostra vita frenetica fatta di appuntamenti, di stanchezza e abitudine ci è rotolata addosso. Se così fosse, abbiamo ancora un’opportunità: accettare l’appuntamento che ci ha fissato la Settimana Santa, senza rimpiangere un tempo e una volontà che ci avrebbero permesso di fare una preparazione migliore: qui e ora dobbiamo vivere un modo diverso di credere.

Il Vangelo di oggi, ci narra l’ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme, destinato ben presto a scomparire, la cena consumata con i discepoli e la lunga notte di solitudine ed angoscia al Getsemani, la croce drammatica che inchioda ogni speranza e la travolge e la notte di attesa mentre Dio riposa nel sepolcro. Non erano bastate le parole e i miracoli, le parabole sul vero volto di Dio, di un Dio reso accessibile. Niente! L’uomo ha continuato a conservare un cuore duro ed ancora oggi è difficile capirne le ragioni. Anzi, ci è voluto un ultimo drammatico gesto, un segno inequivocabile: la croce. La croce che è e resterà l’unità di misura e segno di contraddizione che Dio ha usato per manifestare il suo amore infinito.

Ma c’è una croce anche per noi e il cristiano lo si dovrà riconoscere proprio da questo: da come porta la croce insieme al Cristo, da come Lo riconosce pubblicamente, da come condivide i suoi gesti, la sua debolezza disarmata, la sua umiltà! Gesù: “Ha spogliato se stesso, assumendo la condizione di servo….” e chiederà quindi, anche a noi fedeltà quando ci sarà vuoto intorno, ci inviterà a credere a sperare ed esigerà da noi l’amore quando apparirà inutile e sprecato. E se la croce spesso è sofferenza, solitudine, umiliazione, è amore quando diventa segno di “una vita data”, offerta e spesa per gli altri.

Allora, quale il messaggio

Dopo aver riascoltato la storia d’amore di Gesù per noi, possa un raggio di luce entrare nei nostri cuori, trasformarli e prepararli alla Pasqua, perché sono questi i giorni in cui l’uomo nasce dal cuore trafitto del Suo creatore. Le braccia di Gesù distese e inchiodate dicono: abbraccio e accoglienza. Liberandosi dai compromessi, dalle indecisioni, dagli egoismi. E se oggi abbiamo accettato l’appuntamento per la Settimana Santa è per dire al Signore che niente è stato inutile e se la nostra paura pregherà: “Ricordati di me”, Lui con amore ci risponderà sempre: “Sarai con me”.


DOMENICA DELLE PALME

“Gesù camminava davanti a tutti salendo verso Gerusalemme. Quando fu vicino a Bètfage e a Betània,
presso il monte detto degli Ulivi, inviò  due discepoli dicendo: «Andate nel villaggio di fronte;
entrando, troverete un puledro legato, sul quale non è mai salito nessuno. Slegatelo e conducetelo qui.
E se qualcuno vi domanda: «Perché lo slegate?», risponderete così: «Il Signore ne ha bisogno».
Gli inviati andarono e trovarono come aveva loro detto. Mentre slegavano il puledro, i proprietari dissero loro:
«Perché slegate il puledro?». Essi risposero: «Il Signore ne ha bisogno». Lo condussero allora da Gesù, e gettati
i loro mantelli sul puledro, vi fecero salire Gesù. Mentre egli avanzava, stendevano i loro mantelli sulla strada.


SETTIMANA SANTA 2022

LUNEDI 11 – MARTEDI 12 – MERCOLEDI 13 aprile
“In questi tre giorni i cristiani sono invitati a prepararsi alla celebrazione pasquale attraverso: la preghiera di adorazione, l’ascolto della Parola di Dio, la confessione”
Ore 8.30 Lodi – S. Messa – Esposizione
Ore 18.30 Vespri – Benedizione e Reposizione (non sarà celebrata la S. Messa)
CONFESSIONI: dalle 15.00 alle 18.00
CONFESSIONI Comunitarie:
Lunedi alle 20.00 a Spresiano – con particolare invito ai giovani e ai giovanissimi, Scout, AC e a quanti vogliono aggiungersi.
Martedi alle 20.00 a Visnadello
Mercoledi alle 20.00 a Lovadina
In questi tre giorni la Chiesa resterà chiusa dalle 12.00 alle 15.00.

GIOVEDI SANTO 14 aprile
“É il giorno in cui si ricorda il grande dono che Gesù fa di se stesso con l’Eucaristia – mistero del corpo donato e sangue versato per tutti”.
Ore 20.00 S. Messa in memoria della Cena del Signore (saranno presenti i ragazzi di Terza Media)
Seguirà veglia di adorazione presso la tenda della Reposizione con preghiera animata dall’A.C.
CONFESSIONI: dalle 15.00 alle 17.00.

VENERDI SANTO 15 aprile
“É il primo giorno del Triduo pasquale, concentrato tutto nella memoria storica dei fatti della Passione.”
Giorno di digiuno e astinenza
Ore 8.30 Lodi e Ufficio delle Letture
Ore 15.00 Via Crucis – saranno presenti i bambini della Prima Comunione
Ore 20.30 Rievocazione della Passione del Signore (non ci sarà la processione)
CONFESSIONI: dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00

SABATO SANTO 16 aprile
“Il Sabato Santo è un giorno vuoto di Eucaristia. É un giorno di silenzio e di attesa perché in noi crescano degli atteggiamenti spirituali precisi (silenzio interiore, ascolto, riflessione, preghiera)”
Ore 8.30 Lodi e Ufficio delle Letture
Ore 21.00 VEGLIA PASQUALE nella notte Santa
“É il vertice dell’anno liturgico, il momento culminante del Triduo pasquale. Si fa memoria della Risurrezione”.
CONFESSIONI: (dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00)

DOMENICA di PASQUA 17 aprile
Sante MESSE ore 9.00 – 10.30 – 18.30

LUNEDI dell’ANGELO 18 aprile
S. MESSA ore 10.00

 

 

 

I Commenti sono chiusi