DOMENICA DELLE PALME e SETTIMANA SANTA 2016

vitadicomunita_logo

VITA DI COMUNITA – n. 1656 – 20 marzo 2016
DOMENICA DELLE PALME

LA SETTIMANA SANTA CI FISSA UN APPUNTAMENTO
( Lc 22,14-23,56 )

Inizia oggi, con la Domenica delle Palme, la Settimana Santa. Rivisiteremo la storia di un amore infinito, quello di Gesù che dona la sua vita per noi. Non è folclore, ma è memoriale, attualizzazione di ciò che Gesù ha vissuto e continuamente vive.

E poi, approfondiremo il senso del nostro essere cristiani. La passione di Gesù è narrata dall’evangelista Luca ed è piena di tenerezza, piena di miracoli (l’orecchio riattaccato del servo, Gesù che consola le donne, il buon ladrone che si converte) senza eccessi, senza traumi.

Gesù è un re che va a morire. Non sono bastate le parole e i miracoli, le parabole sul vero volto di Dio reso accessibile. Niente, l’uomo ha continuato e continua a conservare un cuore duro. Anzi, ci è voluto un ultimo drammatico gesto, un segno inequivocabile: la croce. La croce che è e resterà l’unità di misura che Dio ha usato per manifestare il Suo amore infinito. Cristo non è venuto al mondo perché lo comprendessimo ma perché ci aggrappassimo a Lui per lasciarci trasportare, su in alto, verso il grande Regno della vita. Lui ha osato e ha accettato la croce perché ha amato. E’ morto per amore, ma Dio è così.

In questi quaranta giorni, forse non siamo riusciti a prepararci come avremmo dovuto, vista la nostra vita frenetica fatta di tangenziali e di appuntamenti, di stanchezza, di abitudine che ci rotola addosso. Se così fosse, abbiamo ancora un’opportunità: accettare l’appuntamento che ci fissa la Settimana Santa. Magari, senza rimpiangere un tempo e una volontà che ci avrebbero permesso di fare una preparazione migliore. Qui e ora dobbiamo vivere un modo diverso di credere.

C’è una croce anche per noi e il cristiano lo si dovrà riconoscere proprio da questo: da come porta la croce insieme al Cristo, da come Lo riconosce pubblicamente, da come condivide i suoi gesti, la sua debolezza disarmata, la sua umiltà. La croce è fatta di sofferenza, di solitudine, di ingratitudine, di umiliazione, mia anche di amore e lo rivela quando diventa segno di “una vita data”, offerta, spesa “per gli altri”.

Gesù “Ha spogliato se stesso, assumendo la condizione di servo…. ” e chiede anche a noi fedeltà quando ci sarà vuoto intorno, ci invita a credere a sperare ed esige da noi l’amore quando apparirà inutile e sprecato. Questo è il cristianesimo, altrimenti sarà solo una chiacchiera inconcludente e l’esistenza cristiana diventerà recitazione e non vita.

Allora, quale il messaggio?

“Ricordati di me ” ha pregato la paura dell’uomo. “Sarai con me” ha risposto l’amore di Gesù. Le Sue braccia, distese ed inchiodate dicono: abbraccio e accoglienza. E allora, dopo aver riascoltato la storia d’amore di Gesù per noi, liberiamoci dai compromessi, dalle indecisioni, dagli egoismi e vendichiamoci delle offese con il perdono. E possa un raggio di luce entrare nei nostri cuori, trasformarli e prepararli alla Pasqua, perché sono questi i giorni in cui l’uomo nasce dal cuore trafitto del suo Creatore.


DOMENICA DELLE PALME



SETTIMANA SANTA 2016

LUNEDI 21 – MARTEDI 22 – MERCOLEDI 23

In questi tre giorni i cristiani sono invitati a prepararsi alla celebrazione pasquale attraverso: la preghiera di adorazione, l’ascolto della Parola di Dio, la confessione.

  • Ore 8.30 : Lodi – S. Messa – Esposizione.
  • Ore 18.30 : Vespri – Reposizione – S. Messa.
  • CONFESSIONI : dalle 15.00 alle 18.00.

CONFESSIONI comunitarie:

  • Lunedì alle 20.30 a Spresiano con particolare invito ai giovani e ai giovanissimi, Scout, AC e a quanti vogliono aggiungersi.
  • Martedì alle 20.30 a Lovadina.
  • Mercoledì alle 20.30 a Visnadello (in questi tre giorni la Chiesa resterà chiusa dalle 12.00 alle 15.00).

24 GIOVEDI SANTO

È il giorno in cui si ricorda il grande dono che Gesù fa di se stesso con l’Eucaristia – mistero del corpo donato e sangue versato per tutti”.

  • Ore 17.00 : S. Messa (saranno presenti i bambini della Prima Comunione).
  • Ore 20.30 : S. Messa in memoria della Cena del Signore (lavanda dei piedi dei cresimandi).
  • Seguirà adorazione presso la tenda della Reposizione con una veglia di preghiera animata dall’A.C.
  • CONFESSIONI : dalle 15.00 alle 17.00.

25 VENERDI SANTO

É il primo giorno del Triduo pasquale, concentrato tutto nella memoria storica dei fatti della Passione. Giorno di digiuno e astinenza.

  • Ore 8.30 : Lodi e Ufficio delle Letture.
  • Ore 15.00 : Via Crucis animata dai bambini della Prima Comunione.
  • Ore 20.30 : Rievocazione della Passione del Signore con processione fino alla Villa dei Giustiniani e ritorno in Chiesa.
  • CONFESSIONI : dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00.

26 SABATO SANTO

Il Sabato Santo è un giorno vuoto di Eucaristia. E un giorno di silenzio e di attesa perché in noi si radichino degli atteggiamenti spirituali precisi (silenzio interiore, ascolto, riflessione, preghiera).

  • Ore 8.30 : Lodi e Ufficio delle Letture.
  • Ore 21.00 : VEGLIA PASQUALE nella notte Santa, il vertice dell’anno liturgico, il momento culminante del Triduo pasquale. Si fa memoria della Risurrezione.
  • CONFESSIONI : dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00.

27 DOMENICA di PASQUA

  • S. Messe : ore 7.30 – 9.00 -10.30 -18.30.
  • S. Messa : ore 15.30 in “Villa Tomasi”.

28 LUNEDI’ dell’ANGELO

  • Ore 9.00 S. Messa

I Commenti sono chiusi