PASQUA 2014

Pasqua 2014Siamo arrivati nuovamente alla Pasqua centro di tutta la nostra fede cristiana!

I primi cristiani la mattina del giorno di Pasqua, dopo aver celebrato la lunga veglia Pasquale nella notte, si salutavano in un modo particolare. Non dicevano “Buongiorno” oppure “Buona Pasqua” ma dicevano: ”Il Signore è Risorto” e in risposta: ”Sì, il Signore è veramente Risorto”. Questo scambio di saluti ci mostra che, avendo appena terminato di celebrare la Risurrezione di Cristo, i primi credenti volessero scambiarsi vicendevolmente la conferma di quanto avevano appena udito nella celebrazione: ”Gesù, dopo essere stato ingiustamente condannato, torturato e messo in croce, è morto, è stato sepolto e dopo tre  giorni è risorto! E’ proprio così! E’ Vivo!” Se ci pensiamo un momento è normale che per i primi cristiani la risurrezione di Gesù potesse apparire un evento assolutamente straordinario.

Forse ci è impossibile pensare alla Risurrezione come ad un evento avvenuto nella storia ….

La Risurrezione di Gesù non ha analogie con le nostre esperienze, non si tratta di qualcosa che appartiene al corso naturale degli eventi, essa va oltre la natura, è opera della sola potenza di Dio, che supera la nostra capacità umana. Nonostante ciò, però, la risurrezione è un evento che non accade “al di fuori della storia”, ma proprio “nella” storia del mondo. E’ solo attraverso la fede che possiamo cogliere questo evento.

Dice San Paolo: ”Cristo è risuscitato dai morti primizia di coloro che sono morti”(1Cor.15,20). Sant’Agostino aff erma: ”La fede dei cristiani è la Risurrezione di Gesù. Non è gran cosa credere che Gesù è morto; questo lo credono anche i pagani, tutti lo credono. Ma la cosa veramente grande è credere che egli è Risorto”.

Dopo più di duemila anni da quel giorno prima di Pasqua in cui a sconvolgersi non furono solo le vite dei discepoli, ma l’intero assetto della nostra Storia, per tutti si rivela ancor più problematico il credere. Ciò che noi cristiani dobbiamo fare oggi nel 2014 non è altro che recuperare quell’entusiasmo iniziale vissuto dai primi discepoli di Gesù. Un entusiasmo, non dimentichiamolo, tale da condurre gli stessi discepoli non solo in ogni angolo della terra ad annunziare la Risurrezione di Cristo, ma ad affrontare il martirio affinché la buona novella giungesse fino a noi.

Tutto è iniziato dal singolo, da quella donna e da quell’uomo che sorretti certamente dalla grazia credettero veramente al Risorto professando in loro quell’atto di fede capace di trasformare radicalmente l’esistenza di ciascuno. Anche oggi tutto deve partire da ognuno di noi: se crediamo veramente che Gesù è risorto riusciremo a cambiare noi stessi e il mondo.

Questo è anche l’augurio che noi tre sacerdoti della Collaborazione facciamo a tutti. Auguri di Buona Pasqua a tutte le famiglie, agli ammalati, alle persone sole e che sono nel bisogno, a chi è ancora senza lavoro, a chi sta attraversando momenti infelici. La carità di tante persone credenti dia a tutti la gioia e la speranza che Lui Risorto ci è vicino.

Auguri di cuore
Don Angelo, Don Giuseppe e Don Giovanni

CELEBRAZIONI

SABATO 19/04/2014
Ore 8.30 – Lodi e Ufficio delle Letture
Ore 21.00 – VEGLIA PASQUALE nella notte Santa “É il vertice dell’anno liturgico, il momento culminante del Triduo pasquale. Si fa memoria della Risurrezione” (Saranno celebrati 3 battesimi per immersione).

DOMENICA DI PASQUA 20/04/2014
SS. MESSE ORE 7.30 | 9.00 | 10.30 | 18.30

LUNEDI DELL’ANGELO 21/04/2014
SS. MESSA ORE 9.00

I Commenti sono chiusi