Santo del giorno
Gallery
Stemma del Vescovo Mons. Antonio Mistrorigo - intarsio marmoreo (1975) San Pietro, autore ignoto, vetrata istoriata, 1939 San Leonardo Murialdo, autore ignoto, vetrata istorata, 2004 2

NON DOBBIAMO AVERE PAURA DEL VANGELO

vitadicomunita_logo VITA DI COMUNITA – n. 1544 – 16 febbraio 2014
(Mt 5,17-37 : leggi )

Domenica scorsa Gesù ci ha chiesto di uscire da un cristianesimo insipido e oscuro. Nel discorso della Montagna, Lui ha iniziato parlando del Regno e di chi vi appartiene. Oggi e nelle prossime domeniche ci indicherà gli atteggiamenti concreti da seguire per essere discepoli, atteggiamenti di vita che sono la conseguenza dell’illuminazione interiore.

Già gli ebrei erano stati abilissimi a manipolare gli insegnamenti di Mosè, ad adattare, minimizzare, aggiustare il tiro del grande progetto di Dio. Delle famose dieci “parole” date da Dio al popolo si era giunti, al tempo di Gesù, a dover osservare oltre seicento norme. Ma Gesù scardina tutto. Non annulla quanto “fu detto agli antichi…”, tuttavia inserisce un elemento di rottura “ma io vi dico…” e mette in discussione uno ad uno i precetti, li riequilibra, ne svela il senso profondo e se ne riappropria. Cosi facendo fa crescere i presenti e libera la legge orientandola verso Dio.

Oggi abbiamo ascoltato dal Cristo quattro dei sei “ma io vi dico… ” (due li troveremo nel Vangelo di Domenica prossima), che segnano il passaggio dall’Antico al Nuovo Testamento. Continuità e rottura al tempo stesso. Quei “ma” hanno spazzato via le migliaia di precetti di un moralismo grigio e soffocante per aprire la strada alfa suprema libertà dei figli di Dio. Uno dopo l’altro, quei “ma” sono piombati, con un tonfo sordo, nello stagno dell’abitudine, del tradizionalismo, dell’onestà a buon mercato.

Ma veniamo a noi. Chissà quante volte anche noi abbiamo cercato di ammorbidire la durezza della parola “ma” con il nostro calcolo e con quella che chiamiamo prudenza! Gesù ha detto: “Siate perfetti” e “sia il vostro parlare sì, sì; no, no”. E noi magari ci siamo affrettati ad appiccicarci un “ma” per giustificarci: “ma” bisogna essere realisti, “ma” bisogna tener conto della nostra fragilità, “ma” la carne è la carne….”. E siamo andati fuori dal Vangelo. Forse ci siamo arrampicati sui vetri per spiegare: “ma è lecito sempre a fin di bene s’intende, che il sì voglia dire no e viceversa”. E siamo andati fuori dal Vangelo. E così via… Astuzie, queste, che abbiamo imparato affinché il Vangelo non disturbasse e non disturbi eccessivamente i nostri sonni e le nostre digestioni.

E’ venuta l’ora, però, di prendere sul serio quel “ma io vi dico… ” di Gesù, di metterci un po’ più dalla Sua parte, di relegare in soffitta i nostri comodi tradizionalismi e di arrenderci, senza condizioni, alla novità del Cristo. Gesù ci chiede troppo? Può darsi. Ma Lui vuole che noi andiamo alla radice o meglio “ai cuore” di ogni cosa. E’ venuta l’ora di non aver più paura del Vangelo.

Allora, quale il messaggio?

Per vivere questi “ma io vi dico…” di Gesù, dobbiamo essere disposti a investire tutto, cuore e mente, volontà e fantasia sul disegno di Dio. Possiamo cominciare diventando più responsabili del bene della nostra famiglia: migliorando la nostra fedeltà e la nostra onestà, ricordando sempre che l’esempio del padre e della madre sono “vita” per i figli. Martin Luther King diceva: “Noi abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l’arte di vivere come fratelli”. Sforziamoci, allora, di diventare anche più accoglienti e più solidali verso gli altri.


SABATO 22 febbraio 2014 – Cattedra di San Pietro Apostolo

Il 22 febbraio per il calendario della Chiesa cattolica rappresenta il giorno della festa della Cattedra di San Pietro. Si tratta della ricorrenza in cui viene messa in modo particolare al centro la memoria della peculiare missione affidata da Gesù a Pietro. In realtà la storia ci ha tramandato l’esistenza di due cattedre dell’Apostolo: prima del suo viaggio e del suo martirio a Roma, la sede del magistero di Pietro fu infatti identificata in Antiochia. E la liturgia celebrava questi due momenti con due date diverse: il 18 gennaio (Roma) e il 22 febbraio (Antiochia). La riforma del calendario le ha unificate nell’unica festa di oggi. Essa – viene spiegato nel Messale Romano – “con il simbolo della cattedra pone in rilievo la missione di maestro e di pastore conferita da Cristo a Pietro, da lui costituito, nella sua persona e in quella dei successori, principio e fondamento visibile dell’unità della Chiesa”. ( Santi e BeatiWiki )

TERZA ELEMENTARE

DOMENICA 23 febbraio sono invitati alla S. Messa delle ore 9.00 tutti i bambini della Prima Comunione per ricevere il VANGELO.

La Rete di Famiglie

La Rete di Famiglie e il Gas Spresiano vi invitano agli incontri sul tema: “COMPRO, DUNQUE SONO (o no?)” – come le scelte quotidiane influiscono sul nostro stile di vita. L’ultimo incontro si terrà sempre presso la Chiesetta del Patronato, Via dei Giuseppini – Spresiano ore 20.45 il:

Tesseramento Associazione NOI 2014

Ogni domenica mattina dalle ore 9.00 alle 12.00, presso il bar dell’Oratorio si raccolgono le TESSERE di ADESIONE all’Associazione NOI, alla quale anche la nostra parrocchia ha aderito, come tante altre comunità cristiane della nostra diocesi. Il tesseramento dipende da ragioni fiscali e giuridiche, non di interesse economico.

Festa del NOI

DOMENICA 9 marzo ci sarà la “Festa del Noi”. Sono invitati particolarmente i bambini delle elementari e i ragazzi delle medie. Ci sarà il gazebo del “Baratto del giocattolo”, cioè se qualcuno porta un giocattolo proprio e lo vuole scambiare col giocattolo di un altro, là lo può fare.
E a chi piace disegnare, può fare un disegno riguardate il proprio oratorio. Il tema è: “l’oratorio: l’incontro, il gioco, la festa” che potete consegnare alle vostre catechiste!
C’è poi la possibilità di pranzare tutti insieme in palestra alle ore 12,30 con un investimento di € 5,00 per gli adulti e € 3,00 per i bambini e ragazzi fino ai 13 anni. Le prenotazioni si raccolgono al Bar dell’oratorio.

Religione Cattolica a Scuola

Ricordiamo che l’insegnamento della religione cattolica in classe aiuta tutti, cristiani e non cristiani, a riconoscere la propria identità religiosa e a rispettare anche i valori degli altri. Promuove il dialogo e fa conoscere la storia e le radici culturali e bibliche. E’ un’esperienza per costruire un futuro di fraternità e di pace. La scelta della religione cattolica è strettamente connessa con la scelta del catechismo e dei Sacramenti. Non è possibile scegliere di mandare i bambini a catechismo, di ricevere i Sacramenti e non scegliere l’insegnamento della religione cattolica.

COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI

Per l’assenza di don Giuseppe il Coordinamento di tutte le Associazioni, previsto per il 20 febbraio è spostato a MERCOLEDI 26 febbraio alle ore 20.45 nella nuova sala della Canonica.


Incontrare veramente Gesù
significa comprendere in profondità
che
l’amore è senza limiti!


I Commenti sono chiusi