ANCHE NOI POSSIAMO RICOMINCIARE DA OGGI

vitadicomunita_logo

VITA DI COMUNITA – n. 1529 – 3 novembre 2013
(Lc 19,1-10 : leggi )

Tra qualche settimana si concluderà l’anno liturgico e l’evangelista Luca, prima di salutarci e di affidarci al grande Matteo, ha voluto raccontarci lo splendido incontro di un tale di nome Zaccheo con Gesù.

Zaccheo viveva a Gerico, era un manager riuscito e aveva fatto soldi a palate grazie all’appalto delle tasse dell’invasore romano. Oggi lo potremmo definire un uomo furbo e senza scrupoli che era vissuto solo per il guadagno.

Nel momento però in cui giunge al traguardo del guadagno, Zaccheo scopre di essere ancora solo e infelice e capisce che lo scopo della vita forse era un altro. Non si rassegna, e qui sta il suo grande merito, cioè l’onestà di mettere in discussione se stesso, di riconoscere di aver sbagliato, di dichiarare fallimento, di abbassare la testa e di battersi il petto. E cosa fa? Sa che Gesù deve passare per Gerico e lui lo vuole vedere.

Quel giorno Zaccheo sale su un albero, come un bambino lui era piccolo di statura, e aspetta. Non gli importa di quello che può pensare la gente vedendolo, né di quello che diranno. Lui sa che quella è l’ora di Dio per lui: o lo incontra o non lo vedrà mai più. E mentre sale sul sicomoro, scende nell’umiltà perché è soltanto nell’umiltà che è possibile vedere Dio, riconoscerlo e aprirgli il cuore. Ed ecco che accadde un fatto straordinario: Gesù passando lo vide, gli sorrise e gli disse: “Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua”.

Zaccheo scese di corsa, era sconvolto, aveva capito che Gesù cercava proprio lui, voleva andare a casa sua, nonostante la gente mormorasse. Capisce il dono di Cristo, capisce l’amore gratuito di Dio per lui. Ma si rende anche conto che l’amore di Dio aspetta una risposta: una risposta d’amore. E prende subito una decisione: “Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto “. Zaccheo ora è salvo, non più solo temuto, solo potente, ma salvo e discepolo.

La storia di Zaccheo è la storia dell’uomo d’oggi. Zaccheo siamo noi, concentrati a riuscire, frustrati perché non riusciti. Con il cuore “attaccato” alle nostre cose, al denaro, al desiderio di apparire, di dominare gli altri. Siamo troppo indifferenti, calpestiamo i valori, accettiamo esclusioni, non ci preoccupiamo di recuperare niente e nessuno, perché incapaci di sperimentare la fatica d’amare. Non sappiamo accettare gli altri come sono, abbiamo sempre la diagnosi pronta: “irrecuperabile”. La fede non ci importa poi molto, solo un po’ di curiosità, basta che il nostro “io” sia al centro dell’universo. Ciò nonostante, Dio ci ripesca li dove crediamo di essere arrivati. Ci rincorre perché ci ama e ci ama come siamo, senza giudicarci.

Allora, quale il messaggio?

La conversione di Zaccheo avviene quando lui si sente amato da Gesù. Lasciamoci, anche noi, conquistare dal Suo amore e dalla Sua tenerezza. Liberiamoci del nostro egoismo, cominciando a dimostrare misericordia, generosità e fratellanza verso gli altri. Possiamo ricominciare anche noi da oggi, altrimenti la nostra vita diventerà il viale delle occasioni perdute.


LUNEDI 4 novembre – SAN CARLO BORROMEO

LUNEDI 4 novembre 2013 si fa memoria di SAN CARLO BORROMEO. Nato nel 1538 nella Rocca dei Borromeo, sul Lago Maggiore, era il secondo figlio del Conte Giberto e quindi, secondo l’uso delle famiglie nobiliari, fu tonsurato a 12 anni. Studente brillante a Pavia, venne poi chiamato a Roma, dove venne creato cardinale a 22 anni. Fondò a Roma un’Accademia secondo l’uso del tempo, detta delle «Notti Vaticane». Inviato al Concilio di Trento, nel 1563 fu consacrato vescovo e inviato sulla Cattedra di sant’Ambrogio di Milano, una diocesi vastissima che si estendeva su terre lombarde, venete, genovesi e svizzere. Un territorio che il giovane vescovo visitò in ogni angolo, preoccupato della formazione del clero e delle condizioni dei fedeli. Fondò seminari, edificò ospedali e ospizi. Utilizzò le ricchezze di famiglia in favore dei poveri. Impose ordine all’interno delle strutture ecclesiastiche, difendendole dalle ingerenze dei potenti locali. Un’opera per la quale fu obiettivo di un fallito attentanto. Durante la peste del 1576 assistì personalmente i malati. Appoggiò la nascita di istituti e fondazioni e si dedicò con tutte le forze al ministero episcopale guidato dal suo motto: «Humilitas». Morì a 46 anni, consumato dalla malattia il 3 novembre 1584. ( WikiSanti e BeatiConfraternita di San Carlo Borromeo )

Ministri Straordinari dell’Eucaristia

DOMENICA 10 novembre alle ore 15.30, in S. NICOLO a Treviso, il Vescovo rinnoverà il mandato ai Ministri Straordinari dell’Eucaristia.

Ai genitori dei bambini di Seconda elementare

Ricordiamo ai genitori dei bambini di Seconda elementare l’appuntamento di VENERDI 15 novembre alle ore 20.30 in Oratorio, Sala Martini.

Itinerario di preparazione al Matrimonio Cristiano

Il Vicariato di Spresiano sta organizzando un itinerario di preparazione al MATRIMONIO CRISTIANO dal 25 gennaio al 30 Marzo 2014. La presentazione del percorso e le iscrizioni si terranno il giorno 11 GENNAIO 2014 presso l’Auditorium Don Enrico Vidotto di Maserada sul Piave alle ore 20.45. Chi è interessato può telefonare ai seguenti numeri per avere ulteriori informazioni rivolgendosi alle parrocchie di Maserada e Lovadina, oppure tramite il sito internet: www.pastoralefamiliarespresiano.it . Attenzione: i posti sono limitati… affrettarsi ad iscriversi!

Circolo Ricreativo Segna

Il Circolo Ricreativo Segna comunica che il pranzo di beneficienza di domenica 20 ottobre, ha avuto un incasso di € 2.500,00, già consegnati all’Opera della Provvidenza di Sant’Antonio a Sarmeola. Ringrazia di cuore i partecipanti.

Mercatini di Natale a Bolzano

L’Associazione NOI organizza una gita a Bolzano per DOMENICA 15 dicembre, per andare a vedere i “Mercatini di Natale”. Il numero dei partecipanti deve essere di almeno 40. Costo € 12,00 per il solo viaggio di andata e ritorno, per il pranzo ognuno deve arrangiarsi. La raccolta delle iscrizioni è presso il Circolo NOI (bar) Oratorio.

AVVISO

MERCOLEDI 6 Novembre non sarà celebrata la S. Messa delle ore 9.00.

Operazione Libri San Vincenzo

Ricordiamo che è possibile depositare in Chiesa, sul banchetto della San Vincenzo, libri di cultura o romanzi che non ci servono più. Non si possono depositare testi che non siano coerenti con il luogo. Chi è interessato a prendere qualche titolo, lo può fare facendo un’offerta alla San Vincenzo Le vostre offerte andranno ad aiutare i poveri.

 

Un silenzio, un sorriso, uno sguardo…
possono essere un’azione di grazie.

I Commenti sono chiusi